Archivi tag: banning poverty

CONVEGNO – NEL NOME DELL’UMANITA’ – 24 e 25 NOVEMBRE

Annunci

CONVEGNO BANNING POVERTY. 24 e 25 NOVEMBRE

La povertà non è una malattia

 

Il famoso economista italo-belga Riccardo Petrella a Bolzano.

 

Il lancio nella nostra città del DIP (Dichiariamo illegale la povertà) con un gruppo di appoggio e una serata di confronto con Luca Visentini che a breve sarà il segretario generale del sindacato europeo CES.

 

Giovedì – Ore 18 l’incontro pubblico in Sala di Rappresentanza del Comune.

Venerdì mattina sarà ospite al convegno Uil/Sgk nella Sala Nicoletti e nel pomeriggio impegno a Novacella.

Inizia giovedì alle ore 18 nella Sala di Rappresentanza del Comune – in un dibattito con il referente del sindacato confederale europeo Luca Visentini organizzato dal Centro per la pace e da Ecolnet dal titolo “Impoverimento e cittadinanza universale” – l’intensa due-giorni del noto economista italo-belga Riccardo Petrella. Noto al grande pubblico per il suo lavoro sui beni comuni e in modo particolar sulla difesa dell’acqua come bene universale, Petrella ha cominciato a lavorare per un Contratto mondiale dell’acqua e per una ripubblicizzazione del cosiddetto “oro blu“, arrivando a ipotizzare un referendum nazionale. Il referendum ebbe un enorme successo e ancora oggi si attende l’applicazione convita del pronunciamento popolare.

Ma la nuova narrazione del mondo di Riccardo Petrella prosegue oggi con un lavoro intensissimo per definire i meccanismi strutturali che generano l’impoverimento nel mondo con l’intento di creare delle soluzioni concrete per debellarli. E così è nata la campagna DIP (Dichiariamo illegale la povertà) che mira a far pressione sull’Onu affinché arrivi al 2018 – data simbolica che segna il 50° anniversario dalla promulgazione della Dichiarazione per i Diritti Umani (10 dicembre 1948) – a emettere un pronunciamento in cui invita gli stati membri a istituire dei meccanismi di contrasto che annichiliscano le cause generatrici di povertà. La campagna è partita dall’Italia e dal Belgio, ma ha toccato la Germania, la Francia, il Cile, l’Argentina e dal 24 al 28 marzo approderà a Tunisi al Forum Sociale Mondiale 2015. Anche a Bolzano si è costituito un gruppo DIP.

 

Giovedì sera, ore 18.30 in Sala di Rappresentanza, sarà l’occasione per affrontare a ventaglio i grandi temi su cui si innesta progetto, in confronto con Luca Visentini, che proprio nei giorni scorsi è stato designato come segretario unico del sindacato confederale europeo.

Venerdì mattina dalle ore 9 alle ore 13 si terrà anche il convegno della Uil/Sgk sul tema “Impoverimento e ricchezza”. Riccardo Petrella terrà la relazione introduttiva che sarà seguita da una riflessione di Luca Visentini. Al convegno sarà presente anche il Landeshauptmann Arno Kompatscher, anche perché la campagna per dichiarare illegale la povertà mira a coinvolgere anche le istituzioni locali.

Nel pomeriggio di venerdì alle ore 16 al Convento di Novacella Riccardo Petrella terrà anche un laboratorio nell’ambito dell’iniziativa I take care of. Dialoghi per una nuova collettività che avrà come tema proprio la campagna DIP: Banning Poverty. Dichiariamo illegale la povertà.

Friedensfestival Berlin Friendenszentrum Bozen

 

 

Dal minuto 07:30

 

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-c5779ef5-9646-4e22-ac49-7a6c4c3ceb5b-tgr.html#p=0

 

IMG_9822 copia IMG_9823 copia IMG_9825 copia IMG_9828 copia IMG_9842 copia IMG_9844 copia IMG_9847 copia IMG_9851 copia IMG_9854 copia IMG_9856 copia IMG_9858 copia IMG_9868  IMG_9838 copia

Lavoro, povertà, bellezza: per un’economia dei beni comuni

FLYER

7.FEBBRAIO/FEBRUAR
➔ Aula Magna LUB Frei Universität Bozen – ore 18 Uhr
Lavoro, povertà, bellezza: per un’economia dei beni comuni
Arbeit “fair”-teilen zur “gesellschaftlichen Organisation der Arbeit”

Riccardo Petrella, docente all’Università di Lovanio e uno dei maggiori economisti europei, si confronterà con la sociologa tedesca Christa Müller, direttrice della Anstiftung & ertomis di Monaco per i nuovi stili di vita, per capire quali strategie sviluppare per dare nuove forme al tema del lavoro e quali proposte per una uscita dal sistema di una produzione sempre più contradditorio.

Per saperne di più si può consultare il sito Ecolnet.bz